venerdì 11 gennaio 2013

In direzione ostinata e contraria, sempre.

11 gennaio 1999 - 14° Anniversario dalla scomparsa di Fabrizio De Andrè.



da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/aforismi/vita/frase-111889?f=a:290>

CREUZA DE MA
Video fotografico: J. Musso

10 commenti:

  1. più vivo che mai e lo resterà sempre nei cuori di molti......

    RispondiElimina
  2. "Quello che non ho" è un Fabrizio al fianco.

    RispondiElimina
  3. ultimo_raggio_di_luna12 gennaio 2013 01:08

    Dai diamanti non nasce niente, dal letame nascono i fior". Semplice, e come tutte le cose semplici, le più belle; vero, come è vera la realtà da cui Fabrizio assorbe avidamente, come solo i grandi, i semplici, gli umili sanno fare, per poi farla propria e restituircela sublimata attraverso le emozioni della loro anima. Grazie Fabrizio, ciao.

    RispondiElimina
  4. Si sente enormemente la sua mancanza....caspita! Non esistono cantautori di un'umanità così spiccata e sensibile. Non è stato solo un artista ma anche un fratello per tutti! Faber per sempre...

    RispondiElimina
  5. Invece io vorrei poter spendere una parola per Cris che sta attraversando un brutto momento, se potessi farti arrivare un messaggio là dove sei, per farti capire che noi vogliamo bene tantissimo a te come Cris e non come figlio di Fabrizio. Sei un grandissimo professionista, torna da noi!!!!!

    RispondiElimina
  6. http://www.youtube.com/watch?v=WVadWJgK9KQ&feature=share

    Cristiano De Andrè, violino e voce, nella tournee "De Andrè canta De Andrè "Zirichiltaggia / Pescatore / Amico fragile".


    RispondiElimina
  7. CIAO FABER !
    E FORZA CRIS!

    RispondiElimina
  8. ALDOOREFICEBLOG14 gennaio 2013 12:53

    Probabilmente sono tra i pochi ad avere studiato a scuola le sue parole quando lui era ancora in vita: Il pescatore, per esempio, l'ho conosciuto tra i banchi delle medie. Me la ricordo ancora la cassetta che girava nel mangianastri, mentre col dito seguivo il testo su un foglio fotocopiato e mi immaginavo la scena dei gendarmi, che si allontanavano in silenzio da quel vecchio sdraiato che se la rideva sotto i baffi. Conoscevo già Marinella e Piero, allora, e poco altro. Poi, negli anni, Fabrizio De Andrè è diventato un amico. Ed oggi quell'amico mi manca.

    RispondiElimina
  9. Hai ragione Aldo ma lui c'è, c'è ogni volta che cammino in un caruggio, c'è ogni volta che sono in giro per Genova e mi guardo intorno... è ovunque, è nell'aria, nelle strade, nei muri, nella pelle delle persone, scandisce i miei passi e i miei respiri con il tempo delle sue canzoni. Fabrizio è davvero più presente che mai tra la gente, nella sua città, in quelle creuze che arrivano al mare, che amava tanto.

    RispondiElimina
  10. Ciao Mony, ti consegno un premio per il tuo blog interessante. Passa di qui e lo trovi: http://bellezzefelici.blogspot.it/2013/02/the-versatile-blogger-award.html
    Elena

    RispondiElimina

Benvenuto o benvenuta. Ti ringrazio di avermi letto e se vorrai lasciare il tuo commento mi farà piacere....positivo o negativo che sia.