sabato 14 settembre 2013

Il dogma redivivo

"I dogmi hanno una natura molto sottile. Tu credi di esserti liberato da un dogma, da una credenza, e di fatto stai approdando ad un’altra. Rinunci alle menzogne del capitalismo per abbracciare quelle della rivoluzione. Abbandoni la sicurezza del cattolicesimo per ritrovarti colmo delle sicurezze del buddismo. Perdi il pregiudizio dell’omofobia per respirare a pieni polmoni il pregiudizio antimaschile. Abbandoni il bigottismo moralista di chi considera il sesso strano una patologia per abbracciare lo snobismo di chi crede che farlo alla missionaria sia da poveri sfigati. Smetti di berti le bugie degli inquinatori che consumano il pianeta per dissetarti delle balle degli ambientalisti che lo difendono. Ve lo ricordate il finale di Trainspotting? Basta con la vita folle della droga, scelgo un lavoro, la lavatrice, i pannolini.
Non c’è una sponda buona. Non c’è uno schema libero. Ci sei soltanto tu, e mille possibili prigioni in cui cullarti. Quel di cui parlo io è sciogliersi dalla necessità della sponda, della rete di sicurezza. La cosa più piacevole è che non c’è nessun trucco: non si tratta di accogliere una visione del mondo, quale che sia. Si tratta di smettere di aver bisogno di avercela, una visione del mondo".
Stefano Re

Questo scritto l'ho trovato interessante e offre grandi spunti di riflessione, volevo dividerlo con voi.

La pubblicazione è gentilmente autorizzata dall'autore, Stefano Re, che ringrazio.
 http://skorpiosnest.wordpress.com/
http://www.skorpio.net/

http://skorpiosnest.wordpress.com/2013/08/27/il-dogma-redivivo/
Testo coperto da Copyright, pubblicazione autorizzata dall’autore.

10 commenti:

  1. Ma basta con questi vittimismi e divisioni, noi-voi, voi-noi.......
    Che palle. Ognuno esprima quello in cui crede. Quello che dà fastidio è cercare di imporre la propria veduta.
    Io non credo nella chiesa cattolica, non credo al vaticano, non credo ai dogmi, non sono sicura in quello in cui credo, sto cercando la verità che ci hanno nascosto. Ma non voglio imporre la mia scelta a nessuno. Altri invece vengono qui a postare solo per evangelizzare a tutti i costi, questo crea tutte queste discussioni inutili........ Che barba, che noia che noia che barba.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ANDARE OLTRE ...Guardare, pensare, giudicare, soffermarsi, valutare OLTRE il LUOGO COMUNE, le MODE, gli SCHEMI MENTALI imposti o acquisiti nel tempo, in ogni settore della vita. Abbandonare gli schemi mentali e ritrovarsi liberi di essere e pensare !
      Oltre quello che vogliono imporci di pensare,
      Oltre quello che sono i vecchi schemi mentali
      OLTRE perchè c'è un mondo dietro le scelte e le opinioni comuni.

      Elimina
    2. Il dogmatismo è una difesa contro l'ansia che sopravviene quando si vedono mettere in questione concetti in cui ci si sente protetti ed a proprio agio, il rifiuto difensivo di cambiamenti. Il cambiamento ci fa paura inutile negarlo, il dogmatismo ci fa sentire al sicuro.
      Ciao buonaserata Mony

      Elimina
  2. Il problema è stabilire cosa significa per ognuno di noi dogmatismo.
    C'è chi ha il problema di non discostarsi nemmeno di un millimetro dalle tradizioni dei propri padri, e pensa di essere saggio...c'è chi si butta anima e corpo nella NewAge, e pensa di essersi evoluto seguendo Guru che stanno nascendo come funghi...e c'è chi resta con i piedi per terra, ma non si fa scappare le ultime novità sia scientifiche che di pensiero, ma prima di bersi tutto, valuta...
    Ma dopo aver capito che ne valeva la pena, allora deve farsi coraggio e buttare via gli schemi mentali, molti non sono umani, e rendono soltanto infelici noi e chi ci resta ancora accanto.
    L'Evoluzione nasce dal bisogno, dalla necessità e non fa paura soltanto chi tiene in pugno gli altri, ma la persona che deve poi rinascere completamente.

    RispondiElimina
  3. Noi non sappiamo ciò che vogliamo veramente, perchè ci hanno imbottito di coglionate da quando siamo venuti alla luce, ma non vedi che siamo cresciuti con falsi valori, false esigenze, e soprattutto un falso specchio di cosa siamo, una errata conoscenza di noi. Volevamo la Verità, sapere, abbeverarci direttamente dalla fonte, ma poi ce la facciamo sotto dalla paura, quando si tratta di rivedere tutto, metterci sul serio in discussione, buttare via il vecchio per far posto alla novità. Il tuo falso mondo di specchi, che ti hanno parato davanti, è FINITO piccola ed infelice scimmietta ammaestrata...ora o diventi Uomo o ti Estingui per sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sii quel cambiamento, e non attaccarti a sistemi che hanno poco a che fare con la realtà, è facile appellare alla società, allo Stato, alla globalizzazione, alla tv, ad una figura astrusa ed indistinta la responsabilità delle nostre azioni quali esseri umani, troppo facile.
      Chi ha le leve del potere, non vuole certo che le persone pensino, ragionino ma non lo proibiscono più da moltissimo tempo, quindi la responsabilità del fatto che molti sono soggiogati, inquadrati, addormentati è solo perché lo vogliono essere, niente sistemi, niente meccanismi, niente occulti sistemi per soggiogare.... solo semplice e disarmante ignoranza.

      Elimina
  4. Conosco molte persone totalmente inconsapevoli ed addormentate.
    Brave persone, persone che lavorano tutto il giorno e poi arrivano a casa la sera, e sono così stanche da non avere la forza di leggere qualcosa di più impegnativo di una guida tv, Infine si stravaccano sul divano e si mettono a guardare la televisione, e continuano a dormire....Sono proprio quel genere di persone che fanno comodo a questa società.

    RispondiElimina
  5. Da giovane il sogno di John Lennon, sublimemente cantato in “Imagine” http://youtu.be/6YGMt-BIgec è entrato nel mio animo e mai più uscito. Le conseguenti riflessioni, in questi lunghi anni, le ho condensate in una bozza di romanzo ispirato da quel sogno e basato sulla filosofia platonica della città perfetta “Il gioco del Pianeta gioioso” http://goo.gl/ZysFVd . Consapevole che solo le donne potranno spingere l'umanità a realizzare tale sogno leggilo slacciando le cinture della mente per risvegliare quella parte di infinito e di divino che è dentro di te in una prateria di giochi di pensieri provocati da turbolenze emotive. Se dopo la lettura ti sentirai la lucida follia da credere che l’umanità ha bisogno di riforme sociali ed economiche, ma ha bisogno ancora di più di un risveglio spirituale, completiamolo insieme per poi diffonderlo. Ti auguro una vita gioiosa. Sergio

    RispondiElimina
  6. Giuseppe Bordieri15 settembre 2013 12:01

    già faceva schifo al demonio...poi a satana e anche al suo acuto complice...ma trinità non sapeva di quando avrebbe fatto schifo ad amor profano profanato.no a morte....

    RispondiElimina
  7. Il termine stesso "dogma" in quanto imposizione di altri senza alcuna spiegazione-giustificazione-ragione a cui si debba credere senza starsi a chiedere perchè, se non "perchè è un dogma", ipse dixit ... qualifica sia chi i dogmi confeziona, sia chi li accetta.
    Chi li confeziona approfitta della sua posizione di potere e della credulità, chi li accetta è pecora mite che ama stare nel gregge, padroneggiata (e rassicurata e "protetta") dal pastore, dal cane pastore, dal recinto, dai fucili, ...
    A me sembra chiarissimo.
    E dopo Descartes non riesco proprio a giustificare nè chi crea nè chi accetta dogmi, posso solo rammaricarmi per loro ...

    RispondiElimina

Benvenuto o benvenuta. Ti ringrazio di avermi letto e se vorrai lasciare il tuo commento mi farà piacere....positivo o negativo che sia.