sabato 23 febbraio 2013

La pietra filosofale...

Ti parlerò della pietra filosofale. L’alchimista la cerca, per tutta la sua vita. E’ una vita dedicata, una vita che ha uno scopo, e lo scopo è quella pietra. Lucida, oscura, brillante, rugosa e nascosta, profumata di assoluto. La pietra filosofale, trasforma in oro i metalli vili. La pietra filosofale è un simbolo, è un miraggio, è un segno del divino. 
L’alchimista cerca, studia e prepara. Pianifica, organizza e prova, riprova, viaggia dove occorre e in nessun posto, si tiene pronto. Sogna, l’alchimista, immense ricchezze dell’oro di questa terra e di qualsiasi altra, nella borsa e nell’anima. 
L’alchimista non può trovare la pietra, perchè la sta cercando. Quando la troverà, sarà perchè ha smesso di cercare, perché ha smesso di averne bisogno. Allora la pietra sarà lì, in lui, stupenda nella sua inutilità. 
Chi trova la magia del fare, non ha più alcun interesse ad usarla. Perché prima di trovarla, scopre che la ha sempre avuta, sempre in tutti gli anni in cui la cercava così appassionatamente, in cui ne aveva così bisogno. La pietra filosofale era il suo bisogno, ed ora che lo possiede, non esiste più.

Questo scritto lo trovo straordinario e volevo dividerlo con voi.
La pubblicazione è gentilmente autorizzata dall'autore, Stefano Re, che ringrazio. Se volete approfondire la sua conoscenza vi consiglio di leggerlo, ne sarete piacevolmente impressionati.
SKORPIO 01/05/2007 Testo coperto da Copyright, pubblicazione autorizzata dall’autore.
http://skorpiosnest.wordpress.com/
http://www.skorpio.net/

25 commenti:

  1. Fabrizio Carner23 febbraio 2013 06:11

    E' una bella metafora.. cercare qualcosa hai quattro angoli del mondo.. quando quello che cerchi e a un passo da te..

    RispondiElimina
  2. …partire da se stessi. Già, può sembrare egoistico, ma anche quando decidiamo di dedicarci agli altri partiamo da noi stessi. Altrimenti non vedremmo, non capiremmo, non potremmo scegliere e decidere cosa fare. Quindi, partire da stessi vale anche per l’amore; al di là delle frasi fatte, tipo ‘bisogna accettarsi, imparare a volersi bene’, credo sia corretto. Ti ho già scritto che condivido molto dei tuoi pensieri e quando scegli di farci leggere qualcosa di altri autori è sempre qualcosa che fa riflettere; qui voglio aggiungere una breve definizione, tra le tante, sull’amore a cui sono particolarmente caro: “cos’altro è amare se non rendersi vulnerabili?!” …è come si fa a rendersi vulnerabili se non si parte da se stessi?!
    Un bacio, Andrea

    RispondiElimina
  3. Proponi sempre cose che fanno riflettere mai banali
    la pietra filosofale? Ognuno ha la sua, ognuno nella vita qualcosa, ed è vero che quando lo troviamo ci accorgiamo di non averne più bisogno. Ma non è forse quella ricerca che ci fa restare vivi?

    RispondiElimina
  4. mi piace seguirò il tuo consiglio cercherò altre cose su questo autore! grazie Mony

    RispondiElimina
  5. cerchiamo ciò che non abbiamo

    RispondiElimina
  6. tutti cerchiamo qualcosa e tu cosa cerchi mony?

    RispondiElimina
  7. Come l’alchimista anche io cerco da tutta una vita. La mia pietra è l’Amore. L’Amore totale. L’assoluto. L’ho sognato, inseguito per il mondo, ho lottato per averlo, e per pochi istanti talvolta mi sono illusa di tenerlo tra le mani, di poterlo afferrare e stringere. Solo un’illusione. Come sabbia tra le dita sempre scivolava via. Non restava niente. Solo le mani vuote. Nonostante tutto non smetto di credere che esista. Non so in che luogo, nè in che tempo o dimensione ma esiste. Devo solo smettere di inseguirlo e lo troverò, dentro me, dov’è sempre stato. Ho sempre cercato l’Amore al di fuori di me. L’ho cercato negli occhi e nell’approvazione degli altri. L’ho cercato nell’appartenenza ad un’altra persona. Non ho mai vissuto se non per qualcun altro. Ora devo cominciare da me. La ricerca. La scoperta. La partenza e l’arrivo. Tutto comincia da me. L’Amore comincia da me. Quando avrò imparato ad accettare ciò che sono, quando avrò smesso di aver bisogno di sentirmi amata per amare me stessa, allora forse sarà l’Amore a venire.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'Amore ..., La Felicità ..., La Giustizia ...
      Tutti possiamo intuire o capire cosa sono, tutti possiamo cercarle o tendervi ..., ma CHI può dire di stare permanentemente, definitivamente, nell'Amore, nella Felicità, nella Giustizia, ...?
      Perchè -io credo- noi possiamo solo trovare, apprezzare, ricordare ATTIMI d' amore, attimi di felicità, singoli atti di giustizia ...
      A meno che non si sia superficiali o "piccoli", per cui anche quei brandelli non ti sembrino "il tutto" ...
      E siccome tu non sei nè piccola nè superficiale, non troverai mai "l'Amore", "la Felicità", ..., ma solo attimi...
      E la tua profondità quegli attimi li ingigantirà, li gusterà fino in fondo, più di quanto altri sappiano o possano fare, ma resteranno attimi.
      E solo se ti accontenterai, apprezzandoli davvero come sai fare tu, sarai più serena, felice, appagata ...

      Elimina
  8. molto profondo e anke le tue parole

    RispondiElimina
  9. cercare amore ricchezza successo sesso non facciamo altro nella vita che cercare cose
    prendiamoci il tempo di vivere

    RispondiElimina
  10. grazie di aver condiviso!!!

    RispondiElimina
  11. Ciao e molto bello cio che pensi e scrivi...!!

    RispondiElimina
  12. Ha ragione Fabrizio quando dice che è una bella metafora.
    Come sempre sei imbattibile risvegli sempre l'animo di ognuno di noi.
    Bellissima come sempre Mony complimenti x averla scelta grazie ancora.

    RispondiElimina
  13. Salvatore Scarfone23 febbraio 2013 09:51

    Non prendetemi per pazzo ma la cosidetta pietra filosofale potrebbe esistere nell'universo dove le trasformazioni fisiche e nucleari cambiano continuamente l'aspetto di un elemento.Venendo alla metafora vera è propria è giusto dire che chi trova la pietra del fare non ha bisogno della pietra filosofale.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti prendo per pazzo, anzi è una bella osservazione! Potrebbe davvero esistere, perchè no? Forse la metafora può essere intesa in modi diversi, secondo me ognuno cerca la sua pietra, che è diversa per ognuno di noi, quando la troviamo ci accorgiamo che forse era nella ricerca il senso di tutto...

      Elimina
    2. Salvatore Scarfone23 febbraio 2013 10:16

      non sbagli. Solo l'ingordo cerca sempre l'immagginario per arricchirsi senza lavorare

      Elimina
    3. l'essenza del viaggio non è arrivare a destinazione ma godersi il percorso, i compagni di viaggio e pure le deviazioni di strada. Avere una meta però è essenziale altrimenti vaghiamo senza scopo. La ricerca della pietra è il nostro scopo ed è giusto che ci sia ma basta non perdere mai vista che bisogna godersi la ricerca. Che poila troviamo o non la troviamo se ci siamo goduti il percorso vuol dire che abbiamo vissuto

      Elimina
  14. Cerca quanto vuoi, ma non troverai quel che cerchi se continui a farlo nel posto sbagliato.

    RispondiElimina
  15. bellissimo blog! bravissimaaaaaa! mony ti consiglio ti inserire il tasto iscriviti a questo blog! vai in layout , aggiungi gadget, e trova l'applicazione! quel tasto permette di seguire il tuo blog!

    RispondiElimina
  16. Fuori_di_cervello24 febbraio 2013 07:37

    si molto bello tutto anche se non credo esiste questa pietra ma il senso è quello

    RispondiElimina
  17. vero Pino il segreto è assaporare gli attimi perchè tanto felici non possiamo esserlo per sempre infatti l'alchimista alla fine non lo è. Cercare cercare ma cosa? Abbiamo tutto se sappiamo guardare intorno a noi!

    RispondiElimina
  18. Interessante metafora e come consigliato ho guardato i link sull'autore interessante pure lui moltoooooo interessante! Grazie di aver condiviso!

    RispondiElimina

Benvenuto o benvenuta. Ti ringrazio di avermi letto e se vorrai lasciare il tuo commento mi farà piacere....positivo o negativo che sia.