domenica 17 febbraio 2013

IL LADRO

Illustrazione: Christian Schloe
La mia anima sceglie il silenzio
La pagina rimane bianca per giorni
Gli occhi non sanno dove posarsi
Le mani sono senza pace
Non ci sono più parole
Nè rabbia né dolore
Solo eterne notti.
Sapevo che tutto il bene erano solo parole
Perché i miracoli non accadono,
E i momenti perfetti erano una bugia
Che hai saputo inventare ad arte
Per rubare ciò che volevi
E scappare come un ladro nel buio.
Ora che sei riuscito a portarmi via
Ogni ricordo, ogni istante, ogni parola
Torno nel mio bozzolo
A tessere nuove ali lucenti
Con colori meravigliosi
Che mi possano portare
 Più vicino al Cielo e alla Terra,
 Più lontano da te.



La bambina col cappotto azzurro-cielo
La bambina col cappotto azzurro- cielo@copyright

12 commenti:

  1. cmq bellissima come tutte le tue poesie!

    RispondiElimina
  2. Salvatore Scarfone17 febbraio 2013 10:24

    la tristezza il risentimento lo smarrimento trasuda da quei versi e si riversa nelle anime sensibili di chi legge.Traspare la rassegnazione e la voglia di riscatto per lo smacco subito e non meritato

    RispondiElimina
  3. A volte ci illudiamo che le persone sia per come appaiono ma sempre hanno secondi fini spero per te che questo ladro nn ti abbia rubato la voglia di sognare e sperare ancora

    RispondiElimina
  4. Io spero solo che tu apra gli occhi sul mondo prima o poi e che infine tu possa spiegare le tue ali di farfalla e volare in alto dove nessuno potrà più ferirti, anche se la prima a ferirti forse sei proprio tu….ed è per questo che sto male!

    RispondiElimina
  5. un altra delusione un altro inganno un altro uomo vigliacco ma nn siamo tutti uguali per fortuna

    RispondiElimina
  6. da quel bozzolo uscirai piu bella che mai,leggiadra volerai, di nuovo libera sarai,i cieli toccherai, i fiori sfiorerai, la gente sorprenderai,e ovunque andrai mai più sola sarai.

    RispondiElimina
  7. si vede che scrivi e che vivi con il cuore

    RispondiElimina
  8. Ciao Mony, lo sai come la penso sulle poesie che tu posti sono bellissime.
    Questa è una delle mie preferite.
    L'anima è ferita da solchi profondi come il mare, ma il mare è immenso di vita.
    La sofferenza aiuta a crescere nonostante sia struggente,ma è il dolore che ti fa capire che dopotutto ci sono opportunità migliori se non meglio di quelle precedenti.
    Le bugie dell'uomo in se stesso è un fatto di insicurezza mancanza di responsabilità.

    RispondiElimina
  9. Ballata di buona dottrina

    Sia che le bolle in giro tu porti,
    che imbroglione tu sia o baro ai dadi,
    coniator di moneta, e ti scotti
    come quelli che son sbollentati
    vili spergiuri, privi di fede;
    che rubi, arraffi, compia rapine:
    dova va il frutto, non lo si vede?
    Tutto alle bettole e alle sgualdrine.

    Rima, motteggia, strimpella, suona
    Cembalo e liuto, abbietto giullare;
    fa’ scherzi e imbrogli, piffero intona;
    in città e borghi va’ a recitare
    e farse e ludi e moralità;
    vinci a birilli, a carte, a che fine?
    Tanto! ascoltate, poi se ne va
    Tutto alle bettole e alle sgualdrine.

    Tu le rigetti tali sozzure?
    Va’ campi e prati ad arare e mietere,
    cura e governa cavalli e mule,
    se in alcun modo non sai di lettere;
    se ti accontenti, viver ti è dato.
    Ma se strigli la canapa, infine
    Non dai il lavoro da te sudato
    Tutto alle bettole e alle sgualdrine?

    E brache, vesti, giubbe aghettate,
    tutti gli stracci vostri, alla fine,
    prima di far peggio, portate
    tutto alle bettole e alle sgualdrine.

    RispondiElimina
  10. Francesco Ranieri19 febbraio 2013 23:01

    Bellis immagine e parole..ce la farà la gallinella a volare? Forse si ha imparato.

    RispondiElimina

Benvenuto o benvenuta. Ti ringrazio di avermi letto e se vorrai lasciare il tuo commento mi farà piacere....positivo o negativo che sia.