mercoledì 13 febbraio 2013

Flash Mob contro la violenza sulle donne

Il 14 febbraio 2013 un miliardo di donne e uomini di 189 paesi del mondo balleranno insieme per dire basta alla violenza maschile sulle donne, e sono oltre 70 le città italiane che aderiscono alla campagna One billion rising.

ONE BILLION RISING è l’invito ad un’azione globale e nasce dalla volontà di fermare in ogni modo e con ogni mezzo non violento il perpetrarsi della strage in atto nel mondo. Su una popolazione mondiale di circa 7 miliardi di persone, la violenza riguarda il destino di più di un miliardo di donne e ragazze nel mondo.

Ecco le piazze italiane:
ACQUASPARTA (TR): Piazza Federico Cesi
ANCONA: 
Cargo Pier via Sbrozzola, 28 ore 18.30
AOSTA: Piazza Chanoux ore 18.00
ARCO: Piazza III Novembre ore 14.00
AREZZO: Piazza San Francesco ore 9.30
AREZZO: Ipercoop Sette ponti ore 17.00 
ARZANO (NA): Piazza Cimmino
ASCOLI PICENO: Piazza del Popolo ore 18.00

ASOLA (MN): Piazza Ercole ore 16.30
AULLA (MS): Piazza Gramsci ore 14.45 -16.00
AVELLINO: Corso Vittorio Emanuele ore 20.30
AVIGLIANA (TO): La fabbrica, via 4 novembre n.19  ore 18.30
BAGNO A RIPOLI (FI): Società Mutuo Soccorso, via Roma n.124  ore 21.00
BAGGIO (MI): Piazzetta del Murunasc ore 20.00
BARI: Piazza del Ferrarese ore 17.00
BATTIPAGLIA: Piazza Aldo Moro ore 19.00
BENEVENTO: Convitto Nazionale, Piazza Roma ore 17.30
BELLUNO: Piazza Martiri ore 13.00; Centro Commerciale Veneggia/Mega ore 18.00
BERGAMO: Spazio Giovani Edonè, via Gemelli ore 18.00
BIELLA: Fontana Fons Vitae di Viale Matteotti ore 16.00
BOLOGNA: Piazza San Francesco ore 17.00
BRESCIA: Piazza Garibaldi ore 18.00
BRINDISI: Shopping Centre Le Colonne dalle ore 17 alle 20.00
CAGLIARI: Piazzetta San Sepolcro ore 18.30
CALTANISSETTA: Piazza del Comune ore 12.30; Supermercato Carfour via Salvo D'acquisto ore 18.00; Piscina Comunale ore 20.00 
CAMPOBASSO: Palestra Wellness ore 20.30
CANOSA DI PUGLIA: Piazza Vittorio Veneto ore 19.00
CARMAGNOLA (TO): Piazza Sant'Agostino ore 17.30
CASALE MONFERRATO (AL): Piazza Mazzini ore 17.30
CASELLA (GE): Piazza XXV Aprile ore 17.00
CASTELFIORENTINO: davanti al Teatro del Popolo ore 18.30
CASTELLAMARE DI STABIA (NA): Cassa Armonica, corso Principe Umberto ore 16.45
CATANIA: Piazza Currò ore 22.30
CATANIA: Piazza Università ore 11.00
CATANZARO: Parco Commerciale Le Fontane ore 18.30
CERVETERI: Piazza Risorgimento ore 17.00 per info
CESENA: Centro Comm.le Montefiore ore 19.00
CHIAVARI: Piazza Mazzini ore 17.00
CHIUSI: Centro commerciale 'Etrusco'
COMO: Piazza Verdi ore 18.00
CREMONA: Galleria XXV Aprile ore 18.00

CUNEO: Piazza Virginio ore 16.00
DRO: Piazza della Repubblica ore 12.00
FAENZA: Sagrato del Duomo ore 11.00
FERRARA: Piazza del Municipio ore 17.00
FIRENZE: Piazza della Repubblica ore 15.00
FIRENZE: Piazza Santo Spirito ore 19.00

FOGGIA: Isola Pedonale ore 19.00
FORLI': Piazza Saffi ore 16.30

GENOVA: Piazza de Ferrari ore 17.00
IMOLA: Piazza Matteotti ore 18.00
ISPICA: Il Mercato, C.so Umberto ore 17.30
IVREA (TO): Piazza di Città ore 19.00

JESI: Piazza della Repubblica ore 19.00
LA GABELLA (PI): ore 20.30

LABICO (RM): Piazza del Comune ore 19.00
LANUSEI: PalaLixius, dalle ore 16.30
LA SPEZIA: Piazza Mentana ore 17.30
LATINA: Piazza del Popolo ore 18.00
LECCE: Piazza Sant'Oronzo ore 18.00 
LECCO: Piazzetta Centro Meridiana ore 15.30
LEVANTO (SP): Piazza Cavour ore 17.00
LIVORNO: Piazza Attias ore 18.30
LODI: Giardini del Passeggio Piazza Zaninelli (Calicantus caffè) ore 18.00
LUCCA: Piazza Cittadella ore 18.00
LUCERA (FG): Piazza Duomo ore 18.00
MANFREDONIA: Piazza del Popolo ore 19.45
MARTINA FRANCA: Piazza Maria Immacolata ore 18.00
MASSA: Piazza Mercurio ore 17.30
MASSA LOMBARDA (RA): Piazza Matteotti 1 ore 16.30
MESSINA: Piazza del popolo ora Francesco Lo Sardo ore 16.30
MERANO: Partenza da via Cassa di Risparmio ore 16.45.
MERATE: Piazza degli  Eroi ore 17.30
MILANO: Piazza Duomo ore 18.45
MILANO: Borsa Internazionale del Turismo. Padiglione 1. Stand D29 E30 Apt Basilicata

MODENA: Piazza Grande ore 18.00
MODENA: Istituto "Cattaneo-Deledda" via Schiocchi 110 ore 12.00
NAPOLI: Piazza Plebiscito ore 16.00

NAPOLI: Galleria Umberto I ore 16.45
NOVARA: Piazza Puccini ore 18.00
ORISTANO: Piazza Eleonora D'Arborea dalle 17 alle 23
ORVIETO: Torre del Moro ore 17.00 a seguire c/o "La Svolta" Ecosteria ore 19.00

ORTA DI ATELLA (CA) : Via Petrarca ore 11.00 e via Lanzano ore 17.00
OSIMO: Cargo Pier via Sbrozzola, 28 ore 18.30
PADOVA: Piazza dei Signori - ai piedi della Loggia della Gran Guardia - ore 17.30
PAESTUM: Museo Archeologico Nazionale ore 16.00

PALERMO: Mensa Pensionato universitario Viale delle Scienze Edificio 1 ore 13.30
PARMA: Piazza Garibaldi ore 18.00

PAVIA: Piazza della Vittoria ore 18.15
PAVULLO (MO): davanti al Teatro Mac Mazzieri ore 14.30
PERUGIA: Piazza 4 novembre ore 18.00
PESCARA: Piazza Salotto ore 17.30
PESCANTINA (VR): Centro Culturale Tirtha ore 21.00
PIOSSASCO: Piazza XX Settembre ore 19.00
PISA: Piazza Vittorio Emanuele ore 16.00
PISTOIA: Piazza della Sala ore 19.30
PONTEDERA: Palestra Uisp, via Einaudi ore 14.30
;  Piazza del Comune ore 18.00
PORDENONE: Cortile dell'Istituto "Federico Flora" via Galileo Ferraris ore 12.00
PORDENONE: Piazza XX Settembre ore 12.00
PORTICI: Piazza S.Pasquale ore 18.00
POTENZA: Piazza Prefettura ore 19.00
PRATO: Piazza San Francesco ore 17.00
RAVENNA: Piazza del Popolo ore 12.00 + ore 16.30; Centro Commerciale ESP ore 18.00
REGGIO CALABRIA: C.so Garibaldi ore 18.00
REGGIO EMILIA: Piazza Prampolini ore 18.30
RHO: Piazza San Vittore ore 17.30
RIBERA (AG): Piazza Duomo ore 16.00
RIMINI: Centro commerciale LE BEFANE ore 18.00
RIVA DEL GARDA: Piazza Mimosa - Rione 2 Giugno ore 16.00
RIVALTA (TO): Piazza Bionda ore 18.00

ROMA: Libreria Liberi di... Piazza Santa Maria Liberatrice ore 11.30
ROMA: Piazza del Popolo ore 14.30
ROMA: Scalinata Piazza di Spagna ore 16.00
ROMA: Colosseo sotto l'arco di Costantino ore 16.45

ROMA: Ponte Mazzini ore 17.00
ROMA: Piazzale Stazione Tiburtina ore 17.00
ROMA: Casa Internazionale delle donne dalle ore 18.30

ROMA: Centro Commerciale Casetta Mattei, Via dei Sempieri 92 ore 18.00
ROMA: Piazza dell'Immacolata ore 19.00
ROMA: Casa delle donne Lucha y siesta, via lucio sestio 10, ore 17.00
ROMA: Scuola Secondaria di Primo Grado "T.Buazzelli" via Buazzelli 120, ore 12.00

ROVERETO: Liceo A. Rosmini, Corso Bettini 86, ore 10.20; ingresso Museo MART ore 13.00
SALERNO: Piazza della Ferrovia ore 17.00
SAN BENEDETTO DEL TRONTO: Piazza Bambini del mondo ore 13.00
SAN MARCO IN LAMIS: Piazza Madonna Delle Grazie ore 17.30
SAN MINIATO (PI): Piazza del Bastione ore 21.00
SAN PANCRAZIO SALENTINO (BR):
SAN PAOLO (BS): Piazza Aldo Moro ore 16.00
SAN VALENTINO - SORANO (GR): Piazza ore 15.00
SARNANO (MC): Loggiato via Roma ore 15.30
SARTEANO (SIENA): Piazza 24 giugno ore 14.15
SASSARI: Piazza d'Italia ore 15.00; Piazza Moretti ore 16.00; Piazza d'Italia ore 19.00
SCHIO (VI): Piazzetta Garibaldi ore 18.00
SCIACCA (AG): Piazza Scandaliato ore 18.00
SIENA: Piazza Salimbeni ore 14,30
SIRACUSA: Piazza Duomo ore
SONDRIO: Piazza Campello ore 17.30
STEZZANO (BG): Centro commerciale "Le Torri", via Guazzanica 64 ore 19.00

TARANTO: Piazza della Vittoria ore 17.00
TERAMO: Piazza Martiri della Libertà ore 17.30
TORINO: Piazza Castello ore 19.00
TORRE DEL GRECO: Via San Noto ore 16.00
TORRE PELICE (TO):
TORTONA (AL): Piazza ore 16.00
TORTORA (CS): Corso Aldo Moro ore 18.30
TRAPANI: Villa Margherita ore 16.00
TRENTO: Dip.Università ore 14.00; Piazza Duomo/via Belenzani ore 17.00-18.00; Passaggio Teatro Osele ore 19.00
TRIESTE: Piazza Unità d'Italia ore 18.00
UDINE: Piazza Libertà ore 18.00 ; Loggia del Lionello ore 18.00
URBINO: Piazza della Repubblica ore 19.00
VARESE: Piazza Podestà ore 18.30
VENEZIA: Campo San Geremia ore 17.00
VENTIMIGLIA: Piazzale Belvedere Resentello ore 17.00
VERBANIA: Piazza Ranzoni a Intra ore 17.00
VERCELLI: Piazza Cavour ore 17.30
VERONA: Piazza Bra ore 16.30
VIAREGGIO: Piazza Mazzini ore 17.30

VILLAFRANCA TIRRENA (ME): Centro diurno ore 15.30 -17.00; Piazza Quasimodo ore 18.00
VITERBO: Piazza del Sacrario ore 15.00
ZOLA PREDOSA (BO): Piazzetta della fontana ore 19.00

23 commenti:

  1. Bellissima iniziativa rompiamo le barriere insieme ai maschietti ok!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  2. Salvatore Scarfone13 febbraio 2013 12:40

    è un segno di civiltà

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono più che d'accordo su questo argomento delicato a cui ci teniamo in particolar modo salvatore!!!

      Elimina
  3. Giuseppe D'Alessandro13 febbraio 2013 12:41

    Bella iniziativa. Facciamo sentire la voce su un argomento tanto importante quanto terribile.

    RispondiElimina
  4. un bel gesto!!! ovviamente non succederà mai in italia ahaha

    RispondiElimina
  5. Salvatore Scarfone13 febbraio 2013 12:44

    mi da tremendamente fastidio sentire che delinquenti si accaniscano contro le donne

    RispondiElimina
  6. Stefano Guareschi13 febbraio 2013 12:44

    https://twitter.com/BillionRisingSC

    RispondiElimina
  7. Giuseppe D'Alessandro13 febbraio 2013 12:45

    E da ancora più fastidio, il fatto che la giustizia italiana è troppo leggera nei confronti di questi individui, se proprio la vogliamo chiamare giustizia...

    RispondiElimina
  8. Salvatore Scarfone13 febbraio 2013 12:46

    oggi hai letto di quello che 10 anni fà ha massacrato la fidanzata .30 anni con sentenza passata in giudicato dopo 10 anni è già fuori e la poveretta al cimitero eternamente.Ti figuri come possono sentirsi i genitori della poveretta

    RispondiElimina
  9. Purtroppo ancora oggi è un italia bigotta devo forse dare ancora ragione ad Isabel quando lei dice che in italia non succederà l'uomo ha ancora dei pregiudizi sulla donna purtroppo.Rompere questo tabù è il minimo sforzo che ognuno di noi dovrebbe fare insieme alla donna!!!!!l'uomo è ancora una bestia sopratutto quando non ha stima di se stesso come si può pretendere che abbia il rispetto x la donna!!!!!!

    RispondiElimina
  10. Salvatore Scarfone13 febbraio 2013 12:48

    non è la stima ma la più basilare mancanza di rispetto per gli altri.Io ammetto che si possono fare in un momento particolare apprezzamenti anche pesanti ,ma il tutto muore là ma da li a usare violenza!!!!!

    RispondiElimina
  11. Giuseppe D'Alessandro13 febbraio 2013 12:48

    Si l'ho sentito al telegiornale e ho anche letto un articolo qui, su google+ .Ho commentato l'articolo in questione e con molta sincerità ho detto che: Preferirei vederlo morto piuttosto che libero. Con questa frase non voglio inneggiare alla pena di morte, ma a tutto c'è un limite. Io non sono genitore, ma, sinceramente, non saprei veramente come reagire di fronte ad una situazione in cui il carnefice di mia figlia viene messo in libertà e si gode la vita tranquillo e beato, mentre mia figlia ormai non c'è più. 

    RispondiElimina
  12. Salvatore Scarfone13 febbraio 2013 12:51

    Io normalmente sono un pacifista che cerca sempre di evitare scontri .Ma in questo caso diventerei un terrorista lo dico con convinzione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Giuseppe D'Alessandro13 febbraio 2013 12:53

      Nessuno può biasimarti.

      Elimina
  13. La civilta' avanza.....

    RispondiElimina
  14. Salvatore Scarfone13 febbraio 2013 12:55

    in certi momenti penso ai genitori dei ragazzi che si drogano e vedendo i figli in quello stato penso al loro strazio .Vedi io non l'accetterei quello o quelli che hanno venduto quella porcheria non la passerebbero liscia

    RispondiElimina
  15. Copia e incolla da Wikipedia per inquadrare l'iniziativa e la sua promotrice

    Eve Ensler scrisse la prima bozza dei Monologhi nel 1996, dopo aver intervistato 200 donne sulle loro idee sul sesso, relazioni, e violenza contro le donne. Le interviste cominciarono come conversazioni casuali con amici della Ensler, ed in seguito giunsero a comprendere anche racconti di terze persone.
    Ensler ha dichiarato che il suo interesse per le vagine cominciò «crescendo in una società violenta». «L'emancipazione delle donne è profondamente connessa alla loro sessualità» e «io sono ossessionata dall'idea di donne violate e stuprate, e dall'incesto. Tutte queste cose sono profondamente legate alle nostre vagine».[senza fonte]
    L'autrice scrisse i Monologhi per celebrare la vagina, che è descritta come sessualmente superiore al pene, in quanto di essa fa parte il clitoride, considerata la sola parte del corpo umano specificamente ed esclusivamente volta al piacere. Ensler considera la vagina come uno strumento di emancipazione, attraverso il quale le donne possono ottenere una completa femminilità e sviluppare la propria individualità. Ensler afferma che l'ispirazione alla base dei Monologhi le è venuta grazie a Tina Turner. «Io amo Tina Turner. È una donna che vive completamente la sua vagina».[senza fonte]
    L'autrice dichiara inoltre che nel 1998 il significato dell'opera cambiò e, da celebrazione delle vagine e della femminilità, divenne la nascita di un movimento contro la violenza sulle donne.
    Nel 1999 l'opera viene inclusa da Guillaume Dustan in Le Rayon Gay e viene per la prima volta pubblicata in Francia.
    La prima rappresentazione dei Monologhi ha avuto luogo nel seminterrato del Cornelia Street Café di New York. L'opera ha successivamente guadagnato molta popolarità. Nel 2001 al Madison Square Garden hanno recitato parti dei Monologhi anche Melissa Etheridge e Whoopi Goldberg, mentre nel 2002 ha preso parte allo spettacolo anche la cantante britannica Lisa Stansfield.
    La traduzione italiana del testo è disponibile in edizione Il Saggiatore e Marco Tropea.

    RispondiElimina
  16. E' stato FANTASTICO!
    La prova che le donne quando si uniscono sono una forza

    RispondiElimina
  17. Salvatore Scarfone14 febbraio 2013 22:55

    lo credo se volete ci surclassate

    RispondiElimina
  18. ma nooo ma che surclassare! però è stato bellissimo ieri vedere in strada donne di tutte le età ballare insieme, davvero uno spettacolo bellissimo, di grande forza ed energia positiva!

    RispondiElimina
  19. Salvatore Scarfone14 febbraio 2013 23:11

    ma io non ho detto surclassare in senzo dispreggiativo lo detto in senso positivo .Voi donne quando decidete una cosa siete più decise di noi uomini.Riguardo all'iniziativa lo credo bene sia stato bellissima

    RispondiElimina
  20. Francesco Ranieri20 febbraio 2013 08:58

    Dovrebbe essere 365gg l'anno quella protesta. Da parte di uomini e donne, contro tutti i tipi di violenza che è orribile solo a pensarci. Quasi Mi vergogno di esser uomo ogni volta che si parla di ciò e penso alla sofferenza d donne x gli stupri.

    RispondiElimina

Benvenuto o benvenuta. Ti ringrazio di avermi letto e se vorrai lasciare il tuo commento mi farà piacere....positivo o negativo che sia.