mercoledì 9 ottobre 2013

PROTEGGERSI SEMPRE, CONTINUAMENTE

La regola numero 1 è PROTEGGERSI SEMPRE, CONTINUAMENTE. Lo ripete Clint Eastwood in uno dei miei film preferiti. Se non ti proteggi da sola, chi lo farà per te? Proteggiti bambina che questa vita appena giri le spalle ti frega! Proteggiti che tutti ti sorridono davanti ma appena possono ti pugnalano alla schiena! E’ un mondo di egoisti ed ipocriti. Tieni sempre la guardia alzata, guardati alle spalle, schiva i colpi, incassa in silenzio, e se cadi, rialzati. Di nuovo in piedi, a testa alta.
Non mollare, nemmeno quando è troppo dura, nemmeno quando l’onda ti travolge, l’aria ti manca e la corrente non ti aiuta a risalire.
Devi imparare a controllare il fiato e padroneggiare le emozioni, non lasciare che prendano il sopravvento.
Devi comprimerle dentro di te finché non scoppiano così violentemente da stendere tutto ciò che trovano sulla loro traiettoria.
Devi soffocare la voce quando vorresti urlare, devi restare impassibile quando dentro scalpiti come un cavallo imbizzarrito, devi saper aspettare quando vorresti lanciarti come un kamikaze. E poi al momento giusto, lasciare che tutto questo esploda.
Controlla, guarda, osserva, scruta, studia, muoviti, anticipa l’avversario, sorprendilo, impara a conoscerlo, a conoscerti. Conserva un po’ di fiato per quell'onda troppo alta, mantieni un po’ di forze, per quella salita troppo tosta.
Devi combattere se vuoi sopravvivere, devi lottare per poi uscirne col sorriso, con la forza che ti infonde il sapore di avercela fatta, la soddisfazione di aver resistito, di non  aver mollato.
Ricordi quella sensazione inebriante di vittoria che ti ripaga di qualsiasi sofferenza? Resisti ! Dopo sarai fiera di aver stretto i denti, dopo non ricorderai più il dolore, quello passa. Dopo un po’ non la fatica non lo senti più, diventa una compagna di strada, quasi un’abitudine della quale non sai più  fare a meno. Dopo un po smetti anche di piangere e ti accorgi di non avere più lacrime ma solo rabbia, rabbia, tanta rabbia!
Ci sono lividi che fanno male tutta la vita, ferite che non si  rimarginano mai perché troppo vicine all'osso, ma ogni errore di oggi è uno sbaglio in meno di domani, ogni pugno preso sarà un pugno che schiverai la prossima volta. Il dolore sulla tua pelle t’insegna più di qualsiasi manuale. Ma la vita se te le giochi bene ti dà più di una possibilità. La vita, se sai avere pazienza, e vedere lontano, ti ripagherà sempre, prima o poi.
E' un po come nella boxe: un bravo pugile, per vincere e sferrare il colpo finale, deve anche sapere quando arriva il momento di arretrare. Nella boxe tutto funziona al contrario: per tirare di braccia devi allenare le gambe, per colpire di destro scarichi tutto sul piede sinistro, invece di allontanarti dal dolore, come farebbe qualunque persona sana, gli vai incontro. Come te che non scappi ma vai incontro alla vita anche quando è dolore. Quanti pugni in faccia hai preso bambina! Quanti ne prenderai ancora! Ma almeno potrai dire di aver vissuto, di essertela giocata fino in fondo questa sfida!
Un passo o due per poter continuare a combattere. Uno di troppo, per essere fuori dal gioco. E tutto sta a lui. Tutto sta a te bambina.
 
La bambina col cappotto azzurro-cielo
La bambina col cappotto azzurro- cielo@copyright

14 commenti:

  1. Francesco Ranieri9 ottobre 2013 13:03

    Scusami bambina ma ultimam mi è molto difficoltoso raggiungere il tuo sito quindi verrò qui sempre meno Mi dispiace moltissimo non hai un altro indirizzo? mail o non so. Difenditi sempre con unghie e denti ci vuole BACI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco Ranieri9 ottobre 2013 23:16

      Bella rispondere a questo post mi è stato molto più facile non capisco c'e differenza tra uno e l'altro?? mah cmq da tempo Google+ non mi funziona quindi non posso comunicare bene con te e mi dispiace tantissimo BACI

      Elimina
  2. one million dollar baby? è preso da li? il film mi è piacuto troppo e gli attori, tutti e tre perfetti…fare dei paralleli con la vita è difficile, ogni situazione è così diversa e possono esserci momenti in cui è bene “ripararsi con una corazza” altri in cui si capisce di doversi buttare, “senza rete”…. in generale penso che la vita sia “sentimenti”, e che come tale, debba essere vissuta…

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero il film è splendido ed è un racconto di vita che va al di là della storia, parla della vita di tutti noi, con la fatica di farcela e i colpi bassi da evitare e la voglia di lottare contro tutto e contro tutti ma soprattutto mai dare la schiena al nemico....

      Elimina
    2. Rispetto.
      Lottando con le unghie e coi denti si ottiene, se non altro, rispetto.
      E si guadagna un po' di tempo prima della fine.
      Non lottando invece...

      Elimina
  3. Da Johann Wolfgang von Goethe:

    Non è forte colui che non cade mai, ma colui che cadendo si rialza.
    Da me??

    Non permettere a nessuno di toglierti il sorriso, sei meravigliosa,
    raggiante e solare.

    Non ti scoraggiare mai, perchè sei più forte di quel che credi.

    Non cercare qualcuno che possa proteggerti, devi essere tu la prima a
    farlo.

    Cadi e rialzati subito, e fallo sorridendo, sentendoti sciocca per esser
    caduta in un modo banale.

    Cadi, ridi e piangi perchè ti sei fatta male. Ma appena il dolore passa
    ricomincia a correre. Corri veloce.

    Fermati appena trovi l’emozione fantastica, ma non fartela legare troppo
    addosso, almeno non adesso.

    Fermati quando trovi un emozione brutta, quando ti si chiuderà lo
    stomaco per la rabbia. Fermati e pensa.

    Pensa che non ne vale la pena soffrire per qualcuno che non merita. Che
    non ne vale la pena, nemmeno per persone che meritano, perchè ciò che
    conta realmente sei tu.

    Mantieniti sempre al primo posto nella tua vita, mantieni un pò di
    egoismo. Il mondo di oggi non è fatto per gli altruisti?..

    Ci sarà sempre qualcuno che si approfitterà della tua bontà.

    Corri veloce quando stai per piangere, cosi che le lacrime si disperdano
    nel vento.

    Tieni i bei ricordi consapevole che il passato non è futuro.

    Vivi il presente, perchè una giornata è troppo breve per pensare a
    quella dopo.

    Realizzati come persona, e pensa a te stessa, prima di pensare a qualcun
    altro, non tutto viene per nuocere, chiusa una porta si apre un portone.

    Quando qualcuno non ci ama, pensiamo di essere noi inadatti, quando in
    realtà il problema è di chi non ama.

    Chi non è capace di amare, non è capace di vivere, e se non sa amare
    altri è perchè non sa amare se stesso.

    Amati prima di poter amare. Amati perchè sei fantastica e vali più di
    quanto nessuno potrà mai dirti. Sei perfetta così come sei in ogni tuo
    difetto.

    I difetti sono perfezione, perchè fanno parte di noi e tu hai dei
    difetti davvero pregievoli.

    Non ti scoraggiare mai, perchè davvero, avrai più di quello che pensi di
    meritare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'avvocato del diavolo9 ottobre 2013 23:38

      Leggerti è sempre piacevole. Lottare a volte è l'unica cosa da fare per non morire. Non c'è scelta, si lotta per sopravvivere. Attualmente la mia unica ragione di vita è una promessa che mi sono fatto a me stesso per il natale dello scorso anno: prometto di non suicidarmi ma di continuare a vivere finchè il cuore vorrà battere e continuare a lottare. Ma com'è dura la vita quando malgrado una vita passata sui libri e giornate intere passate a lavorare negli uffici e nei tribunali, ti ritrovi sempre senza soldi... ma bisogna resistere: prima o poi la fortuna dovrà girar dalla nostra parte, non bisogna mai abbassare la guardia.
      Ciao!

      Elimina
  4. E’ una pagina molto bella.. ugualmente dolce e forte.. delicata e aspra come la boxe che è fisicità ma anche classe, violenza ma anche danza..
    il film cui fai riferimento è splendido e vedendolo mi commossi..
    un abbraccio forte e delicato ad una vera Donna.

    RispondiElimina
  5. BLLISSIMO FILM! E BELLISSIMO POST!
    Perchè non c'è piu nessuno disposto a lottare per qualcosa?
    penso che la società di oggi abbia smesso di sognare e di credere in qualcosa, ci limitiamo a guardare il nostro iphone e non hanno capito nulla di ciò che ci circonda...

    RispondiElimina
  6. Leggere il tuo blog è sempre edificante e costruttivo. Sei una donna
    fantastica e irreale come il sogno!! La vita ti da molte possibilità ed
    ogni giorno è una sorpresa…Mi piace associare la vita ad un puzzle di
    cui non conosci l’immagine e giorno dopo giorno trovi un pezzi nuovi che
    vanno ad incastrarsi perfettamente agli altri ……….Smackkk

    RispondiElimina
  7. Non posso che condividere sia il tuo bellissimo intervento, sia il commento di "G".
    Questa è la verità, la realtà, anche se non è certamente quella che vorremmo: un mondo senza scudi e senza lance, senza guantoni e senza lucchetti, in cui gioire della propria vita condividendo le gioie degli altri ed aiutandoli a gustarsele...
    Ma noi umani siamo geniali nel farci del male, nel farlo ad altri, addirittura senza neppure un tornaconto, salvo rare eccezioni ...

    RispondiElimina
  8. Nicola Teutonico13 ottobre 2013 04:29

    Prima regola guardarsi le spalle 

    RispondiElimina

Benvenuto o benvenuta. Ti ringrazio di avermi letto e se vorrai lasciare il tuo commento mi farà piacere....positivo o negativo che sia.